Francesca Nini | La Galleria d’arte Le Pleiadi presenta Who’s Nini?
73
post-template-default,single,single-post,postid-73,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

13 Apr 2017 - La Galleria d’arte Le Pleiadi presenta Who’s Nini?

alchimia galleria le pleiadi

Milano, 28 marzo – Al via oggi la Milano Art Week, una settimana ricca di eventi e appuntamenti dedicati alla promozione e alla conoscenza dell’arte. Tra le esposizioni, si inaugura mercoledì 29 marzo alle ore 18:30 la personale di Francesca Nini (Francesca Nini Carbonini) presso la Galleria d’arte Le Pleiadi, a Milano in Largo V Alpini, 9. Un viaggio al cuore del pensiero artistico dell’artista per scoprire Chi è Nini, un interrogativo che potrà avere una risposta personale ed intima grazie alla sensibilità delle opere in esposizione.

Un approccio artistico unico per l’artista milanese-lampedusana: il corpo ha una presenza consistente, una figura che caratterizza ogni quadro con tutte le sfaccettature della personalità umana.

Le opere in mostra della serie Alchimia sono legate da un fil rouge fisico, corde rosse che vogliono unire i dipinti per collegarne l’anima trasversalmente. L’artista è presente in prima persona, nudi che esprimono la soggettività di chi li dipinge. Si crea così l’alchimia rievocata dai titoli, una trasmutazione di stato interiore, una catarsi verso l’esterno per potersi rigenerare. “Il mio bisogno di vomitare all’esterno il mio interno. Forza brutale del vomito, che salva, che fa rinascere”, così spiega Nini la sua necessità d’artista. La vandalizzazione del quadro fa parte di questo processo di cambiamento, volto a rendere viva l’opera.

In mostra 10 quadri che mostrano la predilezione di Nini per i grandi formati: tutto è visibile, tutto è esposto. Le grandi dimensioni permettono all’artista di essere nel suo quadro, divenendo incosciente durante la realizzazione e presente solo alla fine.

Il lato performativo dell’artista si riflette nella scelta di partecipare, per la seconda volta, al Burning Man, festival artistico nel deserto del Nevada che si svolge a cavallo tra la fine di agosto e l’inizio di settembre. Una live performance che permetterà a Nini di mostrare il processo creativo di vandalizzazione da cui prende vita il quadro.

Fonte: Espoarte, per leggere l’articolo originale vai all’articolo Who’s Nini di Espoarte.

No Comments

Post A Comment